SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Una storia senza nome

  • Uscita:
  • Durata: 110min.
  • Regia: Roberto Andò
  • Cast: Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Alessandro Gassman, Laura Morante, Laura Morante, Alessandro Gassman, Jerzy Skolimowski, Renato Carpentieri, Jerzy Skolimowski, Antonio Catania, Gaetano Bruno, Marco Foschi, Antonio Catania, Martina Pensa, Renato Scarpa, Silvia Calderoni, Emanuele Salce, Paolo Graziosi, Filippo Luna, Michele di Mauro, Allan Caister Pearce, Giovanni Martorana, Alessandro Gassman, Jerzy Skolimowski
  • Prodotto nel: 2018 da ANGELO BARBAGALLO PER BIBI FILM, CON RAI CINEMA, COPRODOTTO CON PATRICK SOBELMAN PER AGAT FILMS & CIE - PARIGI
  • Distribuito da: 01 DISTRIBUTION

TRAMA

Valeria, giovane segretaria di un produttore cinematografico, vive appartata con una madre eccentrica e scrive in incognito per uno sceneggiatore di successo, Alessandro. Un giorno, la donna, riceve un insolito regalo da uno sconosciuto: la trama di un film. Ma quel plot è pericoloso, la storia senza nome racconta infatti il misterioso furto - realmente avvenuto a Palermo nel 1969 - di un celebre quadro di Caravaggio, La Natività. Da quel momento, la sceneggiatrice si troverà immersa in un meccanismo implacabile e rocambolesco.

Dalla critica

  • Cinematografo

    Una storia senza nome, ma una storia vera, tratta dalla cronaca, e ancora senza finale: il furto avvenuto a Palermo del 1969 della Natività di Caravaggio. Ci fu dietro, davanti e di lato la mafia, ci fu un superpoliziotto a indagare, e c’è materia cinematografica, sicché Una storia senza nome , co-scritto e diretto da Roberto Andò. Un regista di cui conosciamo cultura e classe, che qui conferma l’eleganza del tratto, la sprezzatura affabile, il piacere drammaturgico, la pulizia narrativa: un thriller, in cui autorialità e identità, trattativa Stato-mafia e adesione al genere si accostano, compenetrano e adagiano tra trama e ordito senza colpo ferire, con calma e assertività. Fuori Concorso alla 75esima Mostra di Venezia, attesta la predilezione di Andò per il registro corale, l’affabulazione mite e il cinema di parola, nonché la salda direzione d’attori, da Micaela Ramazzotti a Renato Carpentieri, da Alessandro Gassmann a Laura Morante. Nel film, la giovane, avvenente e autocastigata Valeria (Ramazzotti, dedita), segretaria di un produttore cinematografico, esiste più che vivere, prestando la penna a un sceneggiatore bellimbusto (Gassmann, istrionico) e condividendo il pianerottolo con la madre punitiva (Morante, charmant): il tran-tran s’incrina quando un poliziotto in pensione (Carpentieri, perfetto) le offre “una storia senza nome” sul misterioso furto di un Caravaggio, da cui le verranno palpiti, pericoli e, sì, drastici cambiamenti… Tra antropologia mafiosa di stretta osservanza cinematografica e Cinema all’apogeo della decadenza (il maestro Jerzy Kunze incarnato dal superbo Jerzy Skolimowski che cita Viale del tramonto …), metacinema e autoironia, Una storia senza nome non si prende sul serio, ma nemmeno è faceto: la politica che vuole alzare il rating italiano grazie al Caravaggio, la mafia pronta a venderlo (150 milioni…), il dipinto che non c’è, e l’Italietta che scrive, delinque e vive nello stesso modo, da fantasma.

  • Nazione-Carlino-Giorno

    Della 'Natività' (1609) di Caravaggio, rubata a Palermo 50 anni fa, si dice addirittura che sia finita in pasto ai maiali, e l'immagine è buona metafora sul destino di un'opera inestimabile in un intrigo assurdo dominato dalla mafia. Per ricostruire, e nello stesso tempo porre la domanda: come si racconta una storia come questa? il palermitano Andò di "Viva la libertà" sceglie il film nel film e un'affettuosa solidarietà citazionista col cinema. (...) La combinazione dei piani è un po' schematica, la Ramazzotti poco in parte, ma la difesa civile della cultura si fa sentire, anche nella scelta della parodia come specchio del contemporaneo.

  • Il Giornale

    Da un fatto di cronaca (...) fino a un film (realizzato dopo mille traversie) dentro un film, quello di Roberto Andò. Trama (...) complicata. Ma alla fine la commedia vince sul giallo. Parlando di arte, non è un film capolavoro, ma di raffinata fattura.

  • Avvenire

    (...) 'Una storia senza nome' di Roberto Andò intreccia realtà e finzione, noir e commedia, e torna ad affrontare un tema caro al regista, quello dell'impostura e dell'inganno, come se, sulla scia di Pirandello, l'identità fosse qualcosa da costruire e proteggere. Perché, come spesso nella vita, nessuno è quello che dice di essere nel film, dove il cinema rivendica il ruolo di strumento investigativo per arrivare alla verità. (...).

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Soldado

  • Uscita:
  • Regia: Stefano Sollima
  • Cast: Catherine Keener, Josh Brolin, Isabela Moner,...

Nella guerra alla droga non ci sono regole. La lotta della CIA al narcotraffico fra Messico e Stati Uniti si è inasprita...

Scheda e recensioni

Il verdetto

  • Uscita:
  • Regia: Richard Eyre
  • Cast: Emma Thompson, Stanley Tucci, Fionn Whitehead, Ben...

Mentre il suo matrimonio con Jack vacilla, l'eminente giudice dell'Alta Corte britannica Fiona Maye è chiamata a...

Scheda e recensioni

Sembra mio figlio

  • Uscita:
  • Regia: Costanza Quatriglio
  • Cast: Basir Ahang, Dawood Yousefi

Sfuggito alle persecuzioni in Afghanistan quando era ancora bambino, Ismail vive in Europa con il fratello Hassan. La...

Scheda e recensioni

Il verdetto

  • Uscita:
  • Regia: Richard Eyre
  • Cast: Emma Thompson, Stanley Tucci, Fionn Whitehead, Ben...

Mentre il suo matrimonio con Jack vacilla, l'eminente giudice dell'Alta Corte britannica Fiona Maye è chiamata a...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...